Progetti sociali

La promozione umana e l'inserimento nella vita lavorativa di persone svantaggiate e disabili, mission della cooperativa, avviene mediante lo svolgimento di attività diverse ed è finalizzata all'inserimento lavorativo delle persone svantaggiate (nella definizione della Legge 381/91 e dei Regolamenti CEE che estendono alle nuove fragilità sociali).

 

Ove non risulta possibile finalizzare le attività all'inserimento lavorativo, la cooperativa di concerto con i Servizi Territoriali (Servizi Sociali, Handicap, Salute Mentale, Dipendenze), programma percorsi formativi e di terapia occupazionale.

 

 Nello specifico la mission è attuata attraverso:

1)l'attività di ristorazione ove vengono realizzati gli inserimenti lavorativi veri e propri, nonché attivati i percorsi di stage e borsa lavoro;

 

2)il progetto "Orto Cotto" (evoluzione del progetto "Orti Sinergici")  è un progetto di orticoltura sinergica che ha permesso alla cooperativa, di concerto con i servizi territoriali, l'attivazione di due progetti personalizzati di terapia occupazionale attraverso lo strumento della borsa lavoro. Per ogni utente, ed in risposta alla personale tipologia di disagio-svantaggio-disabilità, si è attivato un percorso di tutoraggio all'aria aperta il cui filo conduttore è stata la conduzione a 360° di un orto, il tutto sotto la guida e l'affiancamento di due Tutor. Per le borse lavoro adulte il risultato ottenuto, oltre che sul lato economico con un supporto al reddito, è consistito per lo più nel permettere uno “stacco” da una serie di problematiche  familiari e/o di dipendenza, in tal senso proprio il fatto che l'attività si svolgesse all'aria aperta ed in un contesto riservato e tranquillo ha consentito il raggiungimento dello scopo. Al progetto hanno preso parte anche lavoratori svantaggiati già presenti in cooperativa.

 

3)il progetto "Io cucino... Voi Mangiate" è ormai un consolidato progetto della cooperativa che ha come prima finalità la socializzazione e l'innalzamento delle abilità residue di un'utenza caratterizzata da una disabilità medio/grave e per la quale non risultano praticabili al momento percorsi di inserimento lavorativo. Le attività di cucina, con i ragazzi che si cimentano ai fornelli, risultano particolarmente adatte a stimolare l'interesse dell'utente e rappresentano per lo stesso una sostanziale diversificazione delle attività che normalmente gli vengono proposte nei centri diurni di provenienza. E' proprio questa diversificazione, questo misurarsi su attività nuove che favorisce e stimola il recupero di alcune abilità, particolarmente utili in un contesto domestico ed anche replicabili con i genitori quando i ragazzi rientrano a casa.

 

In ciascuna delle attività svolte è di fondamentale importanza la figura del Tutor, ovvero dell'operatore normodotato che supporta lo svantaggiato durante il suo percorso d'inserimento, di terapia o di formazione.

La Fondazione Friuli anche nel corso del 2017 ha sostenuto i progetti "Io Cucino... Voi Mangiate" ed "Ortocotto" a sollievo degli oneri relativi all'azione di Tutoraggio ed Affiancamento delle persone diversamente abili.

 

La Fondazione Friuli (già Fondazione CRUP) sostiene l'annuale riprogrammazione delle attività di tutoraggio sin dal 2014.

 

 

 

 

Prenota ora Il ristorante